Monthly Archives: February 2011

Taotie

Prosegue la carrellata sugli animali leggendari della mitologia cinese.
Quello di oggi mi ha colpito soprattutto per la complessità dei caratteri che costituiscono il nome della bestia: 饕餮 (tāotiè).
Li scrivo un po’ più in grande:

饕餮


Questi sono nella top ten dei caratteri più complessi che io abbia mai visto: 22 e 18 tratti.
Hanno entrambi il radicale 食 (shí) “cibo” quindi rievocano 餐 (cān), quello di 餐厅 “mensa”, che però arriva solo a 16 tratti.
Quale deve essere stata la molla che ha portato alla creazione di un paio di caratteri del genere? Forse una indigestione?
Sarei quasi tentato di impararlo per poi fare bella figura con gli amici cinesi, ma mi sa che è inutile perché non lo sanno nemmeno loro.
Fattostà che il bestio in questione esiste fin dalla remota dinastia Shang, quindi sono più di tremila anni che generazioni di sfortunati studenti devono perdere tempo e neuroni a studiarlo.
Pare che le tracce più remote del suo aspetto siano state ritrovate su dei vasi in bronzo.
Non poteva mancare il link su wikipedia (ma come fanno?).
La pagina di baidu dice che il Taotie era uno dei nove “figli del drago“, e questo mi ha spinto ad approfondire un curioso fatto al quale non avevo mai in precedenza trovato spiegazione.
Sta a dire che ogni tanto si trova un riferimento a 九龙, specialmente nei toponimi come il quartiere di Hong Kong Kowloon che gli ostinati Hongkonghini scrivono 九龍.
La domanda è: “Perché nove, e non otto che è il numero fortunato?”
Chiaramente c’è sotto la solita storiella con imperatore, il quale era solito organizzare una parata in un posto con otto colline chiamato 八龙 (bālóng) “otto draghi”.
L’imperatore era il nono drago (mi viene quasi da scrivere “faceva il bullo dicendo di essere il nono drago”).

Some pretty pictures:

饕餮 1 饕餮 2 饕餮 3
statua
faccia
come raffigurato sui vasi

SMS

Come ogni anno ecco la consueta rassegna di SMS augurali che mi sono arrivati sul telefonino in occasione della Festa di Primavera.
I classicissimi sono arrivati in gran numero:
万事如意!(wànshìrúyì) “Possa tu realizzare ogni tuo desiderio!”
工作顺利!(gōngzuò shùnlì) “Che possa andarti tutto liscio sul lavoro!”
身体健康!(shēntǐ jiànkāng) “Buona salute!”
恭喜发财!(gōngxǐfācái) “Felicità e prosperità!”
新年快乐!(xīnnián kuàilè) “Unu felice nuovo anno!”
Chiaramente sono arrivati anche un buon numero di messaggi riferiti al coniglio: 兔年吉祥! (tùnián jíxiáng) “un propizio anno del coniglio!” con la variante 兔年大吉 (tùnián dàjí) “Buona fortuna nell’anno del coniglio”.
Molto gradite le perle di pura poesia classica come 瑞兔踏祥云,辞虎庆新春。(ruì tù tà xiángyún, cí hǔ qìng xīnchūn) “Il fausto coniglio arriva su nuvole di buon auspicio, la tigre che se ne va celebra la nuova primavera.”
Degno di nota invece è 阖家幸福! (héjiā xìngfú) “felicità a tutta la casa”,ma solo per la presenza del carattere 阖, che ormai penso sopravviva solo nei messaggini augurali.
Riporto anche questa specie di cruciverba in rima:

《新》春将到 xīn chūn jiāng dào Arriva la primavera
《年》前问好 nián qián wènhǎo salutiamo l’anno nuovo
《快》活常笑 kuài huó cháng xiào preso la vita ci sorriderà
《乐》在每秒 lè zài měi miǎo ogni secondo sarà gioioso
《万》千祝福 wàn qiān zhùfú infinite benedizioni
《事》事顺好 shì shì shùn hǎo tutto andrà bene
《如》愿之年 rú yuàn zhī nián l’anno in cui si realizzeranno i desideri
《意》到福到 yì dào fú dào desideri e fortuna arriveranno

Carini anche giochi di parole con i numeri:

一本万利、 yīběnwànlì Grandi profitti con piccolo investimento
二人同心、 èr réntóngxīn Armonia nella coppia
三元及第、 sānyuánjídì Promozioni
四季平安、 sìjìpíng’ān Sicurezza tutto l’anno
五谷丰登、 wǔgǔfēngdēng Raccolti abbondanti
六合同春、 liùhé hétong Concordia in tutto il mondo
七子团圆、 qīzǐ tuányuán Riunione dei sette figli
八仙上寿、 bāxiān shàngshòu Longevità come gli 8 immortali
九世同居、 jiǔshì tóngjū Nove generazioni riuniti
十全富贵。 shíquán fùguì Benessere perfetto

Qualche nota: i numeri 1, 3, 5 sono 成语 (chéngyǔ).
Il 2 l’ho visto sulle porte come 对联 (duìlián), solitamente nella forma 二人同心,其利断金 (èr réntóngxīn, qí lì duànjīn).
Pensavo che quello del numero sette l’avessero inventato di sana pianta solo per riempire un buco, ma pare che sia un detto risalente addirittura alla dinastia Song, si credeva che cinque figli e due figlie fosse il numero perfetto per assicurare una discendenza numerosa.
Degli otto immortali abbiamo gia’ parlato, del nove dico solo che i 九世 (jiǔ shì) simboleggiano nove generazioni di parenti che vivono armoniosamente sotto lo stesso tetto.
Anche questo non è male:

拜年: bàinián Auguri:
一拜身体好, yī bàishēntǐ hǎo, uno: buona salute,
二拜困难少, èr bài kùnnan shǎo, due: difficoltà poche
三拜烦恼消, sān bài fánnǎo xiǎo, tre: le preoccupazioni scompaiano
四拜不变老, sì bài bù biànlǎo 4: rimani giovane
五拜心情好, wǔ bài xīnqíng hǎo, 5: buon umore
六拜忧愁抛, liù bài yōuchóu pāo 6: ti abbandoni la malinconia
七拜幸福绕, qī bài xìngfú rào 7: circondato da ricchezze
八拜收入高, bā bài shōurù gāo 8: alti guadagni
九拜平安罩, jiǔ bài píng’ān zhào 9: coperto da serenità
十拜乐逍遥! shí bài lè xiāoyáo 10: divertimenti senza fine!

Infine, mi sono arrivati una quantità di messaggi “suspiciously similar” a quello dell’anno scorso:

。☆。新。☆。
★。\|/。★
。快 2011 乐。
★。/|\。★
。☆。年。☆。
*:*梦想成真**:! 

CNY

This post is dedicated to all the readers who are about to create bonds of affection with citizens of the Middle Kingdom.
Moved by pure altruistic spirit, I hope with this post to help my fellow man to get off on the right foot from the beginning and experience the situation at the best.
No, I am not going to praise the countless positive aspects of getting married to a Son or Daughter of Heaven; instead, I am getting down to brass tacks, that’s to say that sooner or later you are going to have to come to terms with the Chinese relatives and, first and foremost, with the in-laws.
It’s very likely that the contacts with the galaxy of relatives is going to happen during Chinese new Year, when Chinese families get together.
In order not to be too much surprised by certain behaviors, it’s better to keep in mind that the concept of “having a good family time” residing in our big Western noddles is different from the corresponding idea in the brains of the Chinese akins.
So, dear reader, rush out to buy a permanent ink felt-tip, make a note on the palm of your hand and from time to time look at it: “It is not right or wrong, it’s simply different; there is nothing to argue about, nobody gives a dung about how we do things in the West.”
The only thing that matters to them is to pour out so much abundance on the son in law that in future he can only vigorously extol the magnificent hospitality received. In the end, it’s always about 面子 (miànzi) “face“.
In China it has always been this way, everybody does that, everybody likes it.
I am taking the assumption that you, my reader, are not a Gargantua devoted to pantagruelian meals, monster boozes and chain smoking. If this is the case, the Chinese New year would be an unforgettable experience, and you shall wait for it fidgeting with hastiness, and you will remember it with emotion in the following months.
If it is so, don’t read further!
If instead you are still reading, then you could be a more or less normal person, and maybe you would like to take advantage of the coveted vacation to have some quality time with your other half.
Sorry, bad news: you have to be prepared for a good shot of solemn frustration.
Maybe not the first time, because of the novelty factor; however it’s better to know some things in advance, so don’t stop reading.
The preparations for the CNY should start in advance, for example two weeks before, dieting on bread and water. This is going to be a a good thing however you look at it.
This measure may seem excessive, but remember that during the spring festival there is nothing but eating: there is an abundant breakfast, then you go to lunch, then you get up from your chair to go to dinner, and this goes on for days and days.
At these levels every little detail is important, so you must pay adamant attention to questions and answers, as when in the American legal thrillers they prepare questions and answers before the trial.
There are four things to keep under control at any cost.

  1. Favorite drink: the answer to any question like this must definitely be “boiled water”. This is going to make a good impression on you because this practice is in accordance with traditional Chinese medicine, and this will facilitate the hosts to the task of maintaining stocks of the thing always ready to be served at any time. Beware of other tricky questions like “What do you usually drink at home,” “What do you drink on meals” and the like. You can be sure that even if you say “morning dew and orchid nectar”, at best they will jump through hoops to get it, and at worst they’ll use some impossible substitute of domestic production, which you’ll have to toss off continuously hiding your bitter tears.
  2. Favorite food: the same applies to the favorite food: the answer must unconditionally be “raw vegetables.” This will seem strange to them but in line with the fact that you’re a foreigner, and you’ll have solved a big problem. Yes, because supposing that you said, “I like 麻婆豆腐 (mápó dòufu) ‘tofu sautéed with hot sauce’”.
    From that moment on you’ll find this dish for breakfast, lunch, dinner, snack, midnight snack, on the bedside table, in the car, in the coat pocket, you understood already. At the end when you’ll have the natural reaction, there will be the usual show of long faces: “But you said you liked it …”
    For the same reason, at a banquet never say that anything was particularly good, especially on a direct question. The correct answer is “everything was very good.”
  3. Favorite liquor: None. “I drink a little bit but very rarely and in small doses.” Recall that the threat of 茅台 (Máotái) is always lurking. A decent way out is 梅酒 (méijiǔ) “plum wine”, not too alcoholic, tastes pleasant to our palates and it’s easy to find, so it is not going to be too much trouble when they’ll buy it in industrial quantities, which is the obvious consequence of an answer like that.
  4. Favorite Cigarette: the ideal would be to say that you are a non-smoker. Otherwise I strongly recommend to cite health reasons and even simulate an occasional cough now and then.

It is natural to wonder whether the Chinese sons in law are treated in the same way.
Well, yes, but to a lesser extent: when they are all Chinese they obviously have much in common, so there is a certain sense of proportions. Of course there is a bias to overdo things, but in a less overblown way.
When there’s a foreigner around nobody knows what to do, what he/she is going to like. So if someone in the crew has read in some online forum that abroad everybody eats seven bananas per day, then it’s bananas popping out from everywhere.
Some other tips:

  • Be prepared for unpleasant surprises at the end of the meal.
    That is, since the first course you will be treated as a fattening goose, and if someone insists on putting delicacies in your plate and you refuse, it’s trouble.
    When the waiters brought everything, and the table is packed, you may think that the worst is over. Then you relax and maybe you even dare to take more of something that you liked.
    However, when you’re just full to bursting, there come the the 饺子 (jiǎozi) “dumplings.”
    And then the 包子 (bāozi) “stuffed steamed buns.”
    And then the 馒头 (mántou) “steamed buns (not stuffed)”.
    This situation can quickly lead to a real disgust for food.
  • Don’t worry about leftovers: if you eat only one-tenth of what there is on the table, then the rest is put in the fridge and consumed at ease in the following days. At the restaurant you’ll use 打包 (dǎbāo) “doggie bag” and take everything home.
  • In Italy we say that Epiphany takes all the holidays away; in China there is no Epiphany, but eventually comes the time to go home, and behold the last danger: the gifts.
    It could look like nothing, but when at the check-in you find out that your luggage weighs twice as the upper limit, there is nothing to do. If you do not want to pay through the nose, you have to unpack your bags and throw away the superfluous.

p.s. The advice from the previous years still holds (italian only, at the moment. sorry).

p.p.s good year of the rabbit to everybody!

Chinese 中文
Italian 意大利语

capodanno

Questo post è dedicato a tutti i lettori che sono in procinto di stringere legami affettivi con cittadini della Terra di Mezzo.
Animato da puro spirito altruistico, spero con questo post di aiutare il mio prossimo a partire da subito con il piede giusto e vivere la situazione al meglio delle possibilità.
Ora, non sto a decantare gli infiniti lati positivi del contrarre matrimonio con un Figlio o una Figlia del Cielo; vado invece subito al sodo e cioè al fatto che prima o poi si dovranno fare i conti con i parenti cinesi, e soprattutto con i suoceri.
Molto probabilmente i contatti con la galassia dei parenti acquisiti avverrà durante la festa di primavera, il periodo dell’anno durante il quale le famiglie cinesi si riuniscono.
Per non rimanere sorpresi da certi comportamenti è bene tenere presente che l’idea di “star bene in famiglia” che abita nei nostri testoni occidentali è diversa dalla corrispondente idea che sta nella testa del parentado cinese.
Quindi, caro lettore, corri a comperare un pennarello indelebile e fatti la seguente annotazione sul palmo della mano, e ogni tanto guardatela: “non è né giusto né sbagliato, è semplicemente diverso, e basta; non c’è niente da discutere, e a nessuno interessa sapere come si fanno le cose in Occidente”.
L’unica cosa che importa per loro è riversare sul genero talmente tanta abbondanza che in futuro non possa fare a meno di decantare a gran voce l’ospitalità ricevuta. Alla fine è sempre una questione di 面子 (miànzi) “faccia“.
In Cina è sempre stato così, tutti fanno così, a tutti piace così.
Parto dal presupposto che il mio lettore non sia un Gargantua dedito a pasti pantagruelici, bevute colossali e sessioni di chain smoking. Se così fosse, il capodanno cinese per lui sarà un’esperienza indimenticabile, che attenderà fremendo di impazienza e ricorderà con commozione nei mesi successivi.
In questo caso inutile leggere oltre!
Se invece chi mi legge fosse una persona più o meno normale, e magari volesse approfittare delle agognate ferie per trascorrere qualche giorno in santa pace con la sua bella (bello), allora si dovrà preparare ad una bella dose di solenne frustrazione.
Magari non la prima volta, perché ci sarà il fattore novità; però certe cose è meglio saperle da subito, quindi non è permesso smettere di leggere.
La preparazione alla festa di primavera dovrebbe iniziare in anticipo, per esempio con una dieta preventiva di un paio di settimane a pane e acqua. Non può fare che bene.
Questa misura può sembrare eccessiva ma ricordiamoci che durante la festa di primavera non si fa altro che mangiare: si fanno abbondanti colazioni, poi si va a pranzo, quindi ci si alza dalla sedia per andare a cena, e questo per giorni e giorni.
A questi livelli ogni dettaglio è importante, per cui bisogna prestare adamantina attenzione a domande e risposte, come quando nei legal thriller americani si preparano le domande prima del processo.
Quattro sono gli aspetti da tenere soto controllo ad ogni costo.

  1. Bevanda preferita: la risposta a qualsiasi domanda del genere deve essere assolutamente “acqua bollita”. In questo modo si farà buona impressione in quanto questa pratica è conforme con i dettami della medicina cinese tradizionale, e inoltre si faciliterà ai padroni di casa il compito di mantenere sempre scorte pronte da rifilare in ogni occasione. Attenzione anche ad altre domande trabocchetto tipo “cosa bevi di solito a casa”, “cosa bevi sui pasti” e simili. Potete star sicuri che anche se dite “zibibbo con chinotto”, nella migliore delle ipotesi loro faranno i salti mortali per procurarselo, e nella peggiore ricorreranno a qualche improponibile surrogato di produzione nazionale, che poi toccherà sorbire continuamente nascondendo amare lacrime.
  2. Cibo preferito: lo stesso dicasi per il cibo preferito: la risposta deve essere invariabilmente “verdura cruda”. Questo a loro sembrerà stravagante ma in linea con il fatto che siete stranieri, e avrete risolto un grosso problema. Sì perché ammettiamo che si sia detto “mi piace il 麻婆豆腐 (mápó dòufu) ‘tofu saltato con salsa piccante’”. A partire da subito si troverà la suddetta pietanza a colazione, pranzo, cena, merenda, spuntino di mezzanotte, sul comodino, in macchina, nella tasca del soprabito, insomma ci siamo capiti. Poi quando inevitabilmente scatterà la normale reazione, si assisterà al solito spettacolo di facce lunghe: “Ma hai detto che ti piaceva…”
    Per lo stesso motivo, ad un banchetto mai dire che è piaciuto particolarmente qualcosa, specialmente su domanda diretta. La risposta giusta è “era tutto molto buono”.
  3. Liquore preferito: nessuno. “Bevo qualcosina ma molto raramente e in dosi minime”. Ricordiamoci che lo spettro del 茅台 (Máotái) è sempre in agguato. Una via di fuga decente è il 梅酒 (méijiǔ) “vino di prugna”, non troppo alcolico, di sapore gradevole ai nostri palati e di facile reperibilità così da non causare troppo disturbo nell’acquisto in quantità industriali che è l’ovvia conseguenza della risposta.
  4. Sigaretta preferita: l’ideale sarebbe presentarsi come non fumatore. Altrimenti consiglio caldamente di addurre motivi di salute e magari simulare ogni tanto qualche colpo di tosse.

Viene naturale chiedersi se i generi cinesi vengono trattati con altrettanta opulenza.
Ebbene sì, ma in misura minore: tra cinesi si hanno dei punti in comune, quindi c’è un certo senso della misura. C’è sì la tendenza a strafare, ma meno.
Quando c’è di mezzo uno straniero invece nessuno sa bene cosa fare, cosa gli possa piacere. Quindi se qualcuno della banda ha letto su qualche forum che all’estero tutti mangiano sette banane al giorno, ecco che spunteranno banane dappertutto.
Qualche altro consiglio sparso.

  • Bisogna anche essere preparati alle sorprese a fine pasto.
    Sarebbe a dire che fin dalle prime portate si viene trattati come oche all’ingrasso, e guai a rifiutare quando qualcuno ti riempie il piatto.
    Quando i camerieri hanno portato tutto, e il tavolo è pieno zeppo, pensi che ormai l’hai scampata perché non arriverà più niente. Allora ti rilassi e magari prendi ancora qualcosa che ti è piaciuto. Poi invece quando sei proprio pieno da scoppiare, arrivano i 饺子 (jiǎozi) “ravioli”.
    E poi i 包子 (bāozi) “panini ripeni al vapore”.
    E poi i 馒头 (mántou) “panini al vapore (non ripieni)”.
    Questa situazione può portare rapidamente ad un vero e proprio disgusto per il cibo.
  • Non preoccuparsi per gli avanzi: anche se si mangia solo un decimo di quello che c’è sul tavolo, poi il resto si mette in frigo e si finisce con comodo nei giorni successivi. Al ristorante si chiede il 打包 (dǎbāo) “doggie bag” e si porta a casa.
  • In Cina non c’è l’epifania che tutte le feste porta via, ma alla fine bisognerà pur tornare a casa; ed ecco l’ultimo pericolo: i regali.
    Detta così sembra niente, ma quando al check-in dell’aeroporto ci si accorge che i bagagli pesano il doppio di quanto consentito, non ci sono ragioni che tengano. Se non si vuole pagare cifre esorbitanti, bisogna disfare le valigie e gettare via il superfluo.

ps. restano comunque validi i consigli degli anni precedenti

p.p.s buon anno del coniglio a tutti!

Cinese 中文
Inglese 英文