Monthly Archives: December 2007

verbi

Recentemente mi sono imbattuto in qualche esempio notevole di Potential Verb Complement.
Il primo è 闭不拢 (bìbùlǒng) “non si riesce a chiudere”, dal suono già simpatico ma che diventa secondo me di una ilarità esplosiva in 闭不拢嘴 (bìbùlǒng zuǐ) “non gli si chiude la bocca, continua a ridere per la gioia”.
Poi c’è 对上 (duìshàng) “portare due cose a contatto, inserire un oggetto dentro un altro” che è la base di partenza per 对不上 (duìbushàng), dal significato opposto.
Ebbene, 对不上 significa anche “i conti non tornano”, espressione largamente usata in ambito contabile e dovunque ci sia in ballo una somma.
Ma la vera star è 走不动 (zǒubudòng) “non riesco a camminare”, non tanto per l’espressione in sé ma quanto per il contesto dove viene abitualmente adoperata, e cioè dopo un lauto banchetto!

capelli

Italiano: In Cina anche le cose più banali vengono “migliorare” fino a diventare a tutti i costi delle esperienze mistiche.
La ragione è chiara: c’è una competizione spietata, e chi riesce ad offrire un minimo di più del concorrente ha un vantaggio. Aggiungiamo che qui tutto è nato ieri, non c’è nessuna tradizione su niente, non ci sono termini di paragone, quindi anche le idee più pazzesche vengono proposte come novità rivoluzionarie.
Per esempio, prendiamo il taglio dei capelli: se li lasci fare, ti schiaffano su un lettino tipo sala operatoria e ti sottopongono a un paio d’ore di massaggi, lavaggi, raschiamenti della testa, risciacqui, grattamenti, massaggi alle orecchie e alle spalle, braccia e dita, il tutto condito con conferenze sulla caduta dei capelli e in certi casi anche offerte di shampoo particolari.
So bene che per un miliardo e 300 milioni di anime questo rappresenta un piacevole sollazzo, ma a me fa girare le scatole dopo i primi 5 minuti.
Quindi ogni volta gli dico che non ho tempo, se per favore possono farmi il “rito abbreviato”: un solo shampoo, taglio, poi un solo risciacquo, nient’altro.
Solitamente ricevo sguardi allucinati come se avessi dichiarato di essere un extraterrestre, però alla fine riesco ad andarmene in tempi ragionevolmente brevi.
Recentemente sono stato in un posto in centro che era abbastanza particolare: si tratta di un salone semplicemente enorme, fatto anche abbastanza bene con delle postazioni ad isola che lo rendono un luogo di socializzazione dove un gruppo di amiche può passare un piacevole lasso di tempo.
Il problema è che il posto è semplicemente troppo grande: i lettini per il lavaggio e le poltrone per il taglio sono distanti un centinaio di metri, che ti tocca percorrere avanti ed indietro con i capelli bagnati e l’asciugamano attorno al collo, mentre gli addetti alle varie fasi si chiamano urlando l’un con l’altro.
Ebbene… anche questo è Cina; come mi ripeto spesso, se avessi voluto efficienza germanica, avrei dovuto studiare il tedesco…
中文: 在中国,连最普通的事情也会改善成很有意思的东西。
有一个很合理的道理:这里竞争好厉害,谁能优于竞争者一点点,那他就赢了。
再说,这里什么事业都是新的,没有传统,没有比较的要素,所以连最没有意思的主意也有人会说是华丽的。
比如说理发的时候,你如果没有意见,服务员叫你仰躺在一张像手术室床一样的小床,然后用两个小时给你按摩,洗发,抓头,冲水,挠头,按耳朵,胳膊,手指;同时他们讲脱发的问题,有时候也会提供什么特别的洗发水给你卖。
我很明白也很清楚,中国有十三亿人,都想这是很好玩的,不过我本人一点也不喜欢,平时五分钟以后就已经很烦了。
所以每次我告诉他们我没有时间,可不可以给我提供”简短的仪式”:只要洗发,理发,冲水,别的什么也不要。
到这个时候他们看我的表情通常就像是看一个外星人一样,不过在一个比较合理的时间里面,我会离开理发店。
上次我去过一家在市中心的一个比较有特色的理发店:是个巨大的地方,里面很好看,也有几个独立的工作站,可以跟几个朋友一起去理发,休息,和聊天。
问题是,这个地方太大了:洗发的地方离理发的地方有 一百米,头发湿着的时候,要带着毛巾过来过去,工作人员不断地吆喝:”洗发!冲水!”。
哦。。。这个也是中国。。。我老是说,如果想要德国一样的效率,那么我本来应该学习德语的。。。
Pīnyīn: Zài zhōngguó, lián zuì pǔtōng de shìqíng yě huì gǎishàn chéng hěn yǒu yìsī de dōngxī.
Yǒu yī gè hěn hélǐ de dàolǐ: zhè lǐ jìngzhēng hǎo lìhài, shuí néng yōuyú jìngzhēngzhě yī diǎn diǎn, nǎ tā jiù yíng le.
Zài shuō, zhèlǐ shénme shìyè dōu shì xīn de, méi yǒu chuántǒng, méi yǒu bǐjiào de yàosù, suǒyǐ lián zuì méi yǒu yìsī de zhǔyì yě yǒu rén huì shuō shì huálì de.
Bǐ rú shuō lǐfà de shíhòu, nǐ rú guǒ méi yǒu yìjiàn, fúwùyuán jiào nǐ yǎng tǎng zài yī zhāng xiàng shǒushùshì chuáng yīyàng de xiǎo chuáng, ránhòu yòng liǎng gè xiǎoshí gěi nǐ ànmó, xǐfà, zhuātóu, chōngshuǐ, náotóu, àn ě duǒ, gēbó, shǒuzhǐ; tóngshí tāmén jiǎng tuōfà de wèntí, yǒu shíhòu yě huì tígòng shénme tèbié de xǐfàshuǐ gěi nǐ mài.
Wǒ hěn míngbái yě hěn qīngchǔ, zhōngguó yǒu shí sān yì rén, dōu xiǎng zhè shì hěn hào wán de, búguò wǒ běnrén yīdiǎn yě bú xǐhuān, píngshí wǔ fēn zhōng yǐhòu jiù yǐjīng hěn fán le.
Suǒ yǐ měicì wǒ gàosù tāmén wǒ méiyǒu shíjiān, kěbúkěyǐ gěi wǒ tígòng “jiǎnduǎn de yíshì”: zhī yào xǐfà, lǐfà, chōngshuǐ, biéde shénme yě bú yào.
Dào zhègè shíhòu tāmén kàn wǒ de biǎoqíng tōngcháng jiù xiàng shì kàn yīgè wàixīngrén yī yàng, búguò zài yī gè bǐjiào hélǐ de shíjiān lǐmiàn, wǒ huì líkāi lǐfàdiàn.
Shàng cì wǒ qù guò yī jiā zài shìzhōngxīn de yī gè bǐjiào yǒu tèsè de lǐfàdiàn: shì gè jùdà de dìfāng, lǐmiàn hěn hǎokàn, yě yǒu jī gè dúlì de gōngzuòzhàn, kěyǐ gēn jī gè péngyǒu yīqǐ qù lǐfà, xiūxí, hé liáotiān.
Wèntí shì, zhègè dìfāng tài dà le: xǐfà de dìfāng lí lǐfà de dìfāng yǒu yī bǎi mǐ, tóufà shī zhe de shíhòu, yào dài zhe máojīn guòlái guòqù, gōngzuò rényuán búduàn dì yāohē: “Xǐfà! chōngshuǐ!”.
E2… zhègè yě shì zhōngguó… Wǒ lǎoshì shuō, rúguǒ xiǎng yào déguó yīyàng de xiàolǜ, nǎme wǒ běnlái yìnggāi xuéxí déyǔ de….
English: In China, even the smallest things have to be turned up notches until they became mystic experiences.
The reason behind that is clear: competition is fierce, those who offer a little bit more than the competitors are winners.
Moreover, here everithing is new, there are no well-founded traditions, no parameters for comparison, so even the craziest ideas are proposed as revolutionary.
Example: having an haircut. If you don’t get hold of the situation, you are thrown on a operating-room like small bed and then subject to two hours of massages, washing, scratching of the head, rinsing, scraping, massages to ears, shoulders, arms and fingers, all spiced up with confrences about baldness, and in some cases even offers of specific lotions.
I know very well that one billion, 300 millions and counting souls all think that this is very pleasant, but after 5 minutes I am pissed.
This is why every time I tell them that I have no time, could you please give me the “shortened rite”: only one shampoo, cut, rinse, nothing else.
Usually I receive blank gazes ust like I told them I was an E.T, but at the end I get to sneaking away reasonably early.
Lately I have been to a somewhat peculiar downtown place: a huge salon, even well planned, with some isolated workstations just fine for some girl friends to have a lazy chat while getting their hair done.
The problem is that the place is simply too big: the shampoo beds and the chair where they actually give you the haircut are a hundred meters apart, and you have to go back and fort with your hair wet and a towel around you neck while the guys from each phase yell each other.
Well… this is China, and as I often remind myself, if I wanted German efficiency, I should have studied German in the first place…
Note

  • 普通: normale, ordinario
  • 改善: mogliorare, perfezionare
  • 有意思: interessante
  • 合理: ragionevole
  • 道理: motivo
  • 竞争: competizione
  • 厉害: letteralmente “dannoso”, ma si usa comunemente come “notevole”
  • 优于: essere meglio di
  • 竞争者: avversario, competitor
  • 传统: tradizione
  • 比较: paragonare
  • 要素: fattore, termine
  • 华丽: magnifico
  • 理发: tagliare i capelli. Notare che 发 è 多音字, qui si pronuncia “fà”.
  • 意见: opinione
  • 仰: a faccia in su
  • 躺: sdraiarsi
  • 手术室: sala operatoria
  • 按摩: massaggio
  • 洗发: lavare i capelli
  • 抓头, 挠头: grattare la testa
  • 冲水: risciacquare
  • 胳膊: braccio
  • 脱发: perdere i capelli
  • 洗发水: shampoo
  • 简短: abbreviazione
  • 仪式: rito, cerimonia
  • 表情: espressione
  • 通常: generale, normale
  • 外星人: extraterrestre
  • 市中心: centro città
  • 特色: tratto distintivo
  • 独立: solo, isolato
  • 工作站: postazione
  • 不断地: ininterrottamente
  • 效率: efficienza